Il CEO di Tesla, Elon Musk, si trasforma da Tony Stark a Henry Ford


Elon Musk ha ispirato il ritratto di Robert Downey Jr. del fumetto miliardario Tony Stark nei film "Iron Man". Il modello per Musk, un industriale miliardario per davvero, sembra essere Henry Ford.

[np_storybar title = "Sarai in grado di guidare da Los Angeles a New York in un'auto elettrica Tesla entro la fine di 2013, afferma il fondatore" link = "http://business.financialpost.com/2013/05/30/tesla-supercharger/”%5D
I guidatori di Tesla saranno in grado di guidare da Los Angeles a New York utilizzando la rete di Supercharger della compagnia di vetture elettriche entro la fine di quest'anno, il CEO Elon Musk ha detto mercoledì sera al D: All Things Digital Conference del Wall Street Journal.

La rete, che al momento comprende solo nove stazioni attive, sette delle quali in California, era già stata impostata per passare alle stazioni 100 da 2015.

Invece, Tesla sta progettando "un'accelerazione drammatica della rete di sovralimentazione", ha detto Musk alla conferenza. "Sarà triplicato. Domani metteremo la mappa in diretta. "

Continua a leggere.
[/ Np_storybar]

La padronanza della produzione in serie del fondatore della Ford Motor Co. ha reso la Model T la prima auto economica, rivoluzionando i trasporti. Musk, che ha nominato la berlina di Tesla Motors Inc. la Model S come punta di diamante per l'auto di Henry, si vede allo stesso modo come un ingegnere, un pasticcere, un imprenditore grintoso.

"Non trascorro il mio tempo pontificando su cose di alto profilo; Trascorro il mio tempo a risolvere problemi di ingegneria e produzione ", ha detto Musk, 42, in un'intervista in fabbrica.

"Hai visto la mia scrivania? È proprio lì nel centro della fabbrica ", ha detto, indicando un'area di lavoro grigia accanto alla linea Model S. "Non sembra l'ufficio di Tony Stark."

Il decennale Tesla è un fenomeno automobilistico, con un'impennata dei prezzi azionari leader del settore che è scoppiata dopo il primo profitto trimestrale, una rave Model S recensione di Consumer Reports rivista e rimborso affrettato del prestito del Dipartimento dell'Energia che ha messo in funzione la fabbrica della società. Oltre l'obiettivo di quest'anno di vendere le berline elettriche 21,000, Musk, nato in Sudafrica, vuole un giorno fare mezzo milione di auto a batteria all'anno presso l'impianto di assemblaggio auto solitario della California.

Quarterly 'Nightmare'

La lotta iniziale di Tesla per raggiungere un ritmo di produzione delle auto 400 a settimana lo ha portato a perdere un obiettivo di vendita di 5,000-auto lo scorso anno per il modello US $ 69,900 S. La perdita del quarto trimestre della società si è allargata dopo aver aggiunto lavoratori temporanei e risolto gli ostacoli al fornitore. Da quel momento in poi il livello di uscita è stato superato e "non banalmente", ha detto Musk.

"A questo punto, rendere le auto 400 una settimana sembra davvero una passeggiata nel parco, mentre è stato un incubo in Q4", ha detto July 10, rifiutandosi di elaborare prima del rilascio di Tesla dei risultati del secondo trimestre.

Le azioni di Palo Alto, in California, sono più che triplicate quest'anno nel suo trimestre redditizio. Tale profitto comprendeva un vantaggio una tantum da rimborsare anticipatamente il suo prestito negli Stati Uniti. Senza di essa, Tesla guadagnava meno di mezzo centesimo per azione.

La casa automobilistica potrebbe riportare una perdita del secondo trimestre di 18 centesimi per azione, escludendo alcune voci, la media delle stime degli analisti 12 compilate da Bloomberg.

Rocket Man

Musk gestisce anche il produttore di razzi Space Exploration Technologies Corp., noto come SpaceX, ed è presidente del fornitore di energia solare SolarCity Corp.

I guadagni per le azioni di Tesla e SolarCity, insieme all'espansione del business SpaceX, hanno gonfiato la fortuna di Musk a $ 6.9-miliardi, secondo l'indice Bloomberg Billionaires.

Noah Berger / Bloomberg

Noah Berger / Bloomberg

Entro la fine di 2014, l'obiettivo di Tesla è quello di rendere le auto 800 una settimana, prima di iniziare la produzione di veicoli elettrici sportivi Model X, dice Musk. La fabbrica ha dipendenti 3,000, inclusi gli addetti all'assemblaggio 2,000, con due turni di produzione giornalieri, ha detto.

La fabbrica cavernosa, incontaminata all'inizio di 2012, ora è piena di attività. Un pavimento bianco, una volta senza macchie, porta sbavature dall'accelerazione della produzione. Il muschio calcola il 40% degli 5 milioni di metri quadrati della struttura (465,000-square-metri) ora utilizzati per il montaggio di auto, motori elettrici, pacchi batteria con rivestimento in alluminio e stoccaggio di parti.

Il lavoro straordinario e il costo del lavoro temporaneo stanno diminuendo man mano che i lavoratori affollano le capacità di assemblaggio, ha detto Musk. Tesla sta anche apportando modifiche "sfumate" al Modello S per ridurre i tempi di produzione, i costi e il peso, ha affermato.

Bulloni "aerospaziali"

Alcune pratiche erano "overkill", disse Musk, come inserti in acciaio al boro ad alta resistenza nei montanti laterali fissati con "bulloni di qualità aerospaziale". Questi vengono sostituiti con rinforzi in alluminio più leggeri, più economici e più facili da assemblare che ha mantenuto un crash rating a cinque stelle negli Stati Uniti, ha detto. Entro la fine dell'anno, gli ingegneri taglieranno il peso del modello S tanto quanto i chili 80 (36 chilogrammi), ha detto Musk.

La struttura di Fremont di Tesla è altamente autonoma rispetto alla maggior parte degli impianti di auto di grandi dimensioni. Stampa i propri pannelli di carrozzeria in alluminio e le parti del telaio, stampi componenti in plastica e cruscotti e persino fustella singoli componenti metallici.

"Non sono a conoscenza di altre piante che si impegnano a morire", ha dichiarato Michael Robinet, amministratore delegato del consulente IHS Automotive a Northville, nel Michigan, che studia le pratiche di assemblaggio. "È molto difficile da fare sul posto."

Pneumatici, vetro e altoparlanti stereo sono tra le poche cose che la pianta non produce da sé.

'Integrato verticalmente'

"Siamo abbastanza integrati verticalmente", ha detto Musk. "Siamo più vicini al modo in cui Ford ha fatto di Ford è" ora.

Noah Berger / Bloomberg

Noah Berger / Bloomberg

Henry Ford costruì la più grande struttura auto verticalmente integrata al mondo, il Ford River Rouge Complex, a Dearborn, nel Michigan. L'impianto aveva una propria fonderia di acciaio, forni a coke, fornaci di vetro e un gruppo di altri negozi che rendevano ogni veicolo parte.

La Ford e altre case automobilistiche alla fine abbandonarono l'approccio autonomo, trovando che i fornitori potevano migliorare l'efficienza produttiva.

"Tesla è davvero in controtendenza", ha detto Robinet. "Sarà difficile per loro guadagnare economie di scala mentre si espandono se non lavorano più a stretto contatto con la base di approvvigionamento".

Tesla cavalca tecnologia e automobili. Il suo ingresso nel Nasdaq 100 questo mese dimostra la sua vera e propria industria della tecnologia.

"Pezzi banali"

Bill Ford, pronipote di Henry Ford e presidente esecutivo di Ford Motor, ha detto che gestire il flusso di parti sarà una sfida mentre Tesla cresce.

"Adoro la loro tecnologia", ha detto Bill Ford April 30 ad una conferenza a Beverly Hills. "Hanno bisogno di essere consapevoli mentre aumentano la capacità di gestire un'azienda automobilistica diversa da quella di un'azienda tecnologica. Alcuni dei pezzi banali, come la gestione della supply chain e il mantenimento di concessionari riforniti di parti, non sono molto sexy, ma sono molto reali. "

La maggior parte dei fornitori di parti e materiali per la Model S erano privi di problemi, ha detto Musk. Informazioni su 5% sono state "leggermente problematiche; 3 o 4% erano problematici; e 1 o 2% di loro sono stati un incubo ", ha detto.

"Abbiamo ancora molto da imparare e possiamo migliorare molto, ma penso che a questo punto siamo abbastanza bravi a gestire la supply chain per decine di migliaia di unità all'anno", ha affermato. "Dovremo davvero fare un passo avanti."

www.bloomberg.com

Post correlati