Mentre le banconote salgono per alcuni, le piccole aziende di Internet piangono sul regolamento del CRTC


I provider Internet indipendenti del Paese stanno sfidando una normativa che consente a grandi operatori di rete come BCE Inc. di aumentare i tassi sui fornitori più piccoli e sui loro clienti.

Alcune aziende, come Chatham, Ont. TekSavvy Solutions Inc., sono già state colpite dalle nuove tariffe.

Una richiesta del Canadian Network Operators Consortium Inc., un gruppo commerciale che rappresenta decine di ISP più piccoli, è stata depositata mercoledì con le autorità normative chiedendo che una decisione 15 del Novecento consentisse di rivedere i tassi più alti basati sulla "capacità", con un occhio forse verso l'abbassamento commissioni che i fornitori più piccoli dovranno iniziare a pagare entro il mese di febbraio 1.

Aggiornamento: un portavoce del CNOC ha chiarito che una richiesta di revisione del prezzo non fa parte della denuncia presentata mercoledì. Nell'invio sono state fatte solo richieste sull'implementazione del nuovo modello. CNOC sta prendendo in considerazione una richiesta formale per affrontare i prezzi, ha detto la persona.

La decisione della Canadian Radio-television and Telecommunications Commission consente agli operatori di rete di addebitare nuove tariffe variabili in base alla capacità di carico degli ISP più piccoli sulla rete principale - un modello che il CNOC dice va bene, in teoria.

Tuttavia, il gruppo commerciale, che rappresenta solo una piccola parte del mercato di Internet, ma funge da importante controllo competitivo sui principali fornitori come Bell Canada di BCE, Rogers Communications Inc. e altri, sostiene che i tassi sono stati fissati eccessivamente elevati.

Inoltre, tali tassi variabili aumenteranno nel tempo con l'aumento dell'utilizzo da parte dei clienti, come inevitabilmente dicono.

La decisione sulla capacità stessa è il risultato di una decisione del CRTC alla fine dello scorso anno che ha concesso a Bell la possibilità di imporre la cosiddetta "fatturazione basata sull'utilizzo" agli ISP più piccoli, che concedono l'accesso a grandi reti Internet e la rivendono ai propri clienti.

La decisione dell'UBB avrebbe ucciso piani di accesso illimitati presso le aziende più piccole che si affidano a loro per attirare abbonati che fanno uso intensivo e hanno accolto un intenso disprezzo pubblico su Bell, che è stato percepito come una vera e propria concorrenza. Di fronte a un'elezione primaverile, il governo conservatore ha chiesto alle autorità di regolamentazione di riesaminare la decisione, una mossa che culmina nel nuovo approccio basato sulla capacità.

Eppure George Burger, un portavoce di TekSavvy, ha dichiarato che la sentenza di capacità è UBB con un altro nome. "La frequenza di Bell è così alta che quando la traduciamo in ciò che dovremo addebitare ai nostri clienti, è effettivamente una fatturazione basata sull'utilizzo", ha affermato.

TekSavvy, che ha clienti 100,000 principalmente nell'Ontario del Sud, ha detto che la società aumenterà i tassi tra $ 3 e $ 4 al mese.

Da tempo, Bell ha bisogno di misure per verificare la capacità e l'utilizzo generale al fine di mantenere il flusso regolare del traffico attraverso la sua vasta rete, che supporta oltre 2.1 milioni di abbonati Internet della società e migliaia di altri utenti un rivenditore di terze parti come TekSavvy.

Mirko Bibic, vicepresidente senior degli affari regolatori, ha dichiarato in un'intervista alla 15 che la società si è accontentata dell'approccio della capacità, mentre avrebbe avuto un impatto solo sui più pesanti utenti di Internet - molti dei quali si sono rivolti a società come TekSavvy per trarre vantaggio da secchi con larghezza di banda maggiore.

Il mese scorso, Bell ha detto che avrebbe interrotto la pratica di "strozzare" o di degradare la velocità di Internet su alcuni utenti pesanti a causa degli investimenti in capacità e di nuove misure "economiche" per scoraggiare il maggior numero di utenti dall'appesantire una quantità sproporzionata di larghezza di banda.

Tuttavia, gli operatori più piccoli affermano che i clienti consumano più video Web attraverso servizi come Netflix Inc..

"Tra due anni, tutti diventeranno come un cliente di TekSavvy", ha dichiarato mercoledì il signor Burger.

Post correlati

GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!